La Baia degli Angeli








Oscilla sinuoso il mare
nella Baia degli Angeli,
mentre l’aurora dipinge
a pastello l’orizzonte.  

Annegata nei fondali
è ormai la notte e
con lei le mie paure.

Il sole si apre un varco
nel drappeggio
di nuvole rosa,
e crescere lo vedo lento
fino
 a implodermi dentro. 

Risorto finalmente è
il giorno e sento già
 diffondersi  intorno
aria
 di speranza nuova





Appartenersi





Sarà  il silenzio inviolato
o questo cielo tra le mani
ma stanotte
come nessuna notte
sento appartenermi
il mondo e io, 
incantata,
appartenere a lui.




Il Macigno



D'improvviso
come un macigno
 quegli anni
sulle tue minute spalle,
e prepotente il ricordo
 di quei giorni
che timidi incantavi.





Fantasia




Nel mare della fantasia
amo affondare,
dai suoi fondali  
farmi incantare
e dalle sue
eteree braccia
cullare.