Al confine




Al confine
tra pensieri e parole
scorrono i versi
 
e quando, gonfi,
dagli argini
esondano
 
eteree distese
di calle in fiore
dipingono.

4 commenti:

vincenzo ha detto...

Buongiorno @sira
leggere questi versi appena sveglio è stato come aprire la finestra e respirare l'aria fresca.
E mi è venuto da vederlo quasi come un "manifesto poetico". Difatti nel tuo "campo fiorito" ben riconosco il tuo "fiore poetico", leggiadro e soave come una calla.
Sai che non saprei identificare un mio "fiore poetico"?
Complimenti e grazie per il buon risveglio.
Alla prossima.

Anglares ha detto...

L'atto creativo!
Il confine di cui parli è quello tra senso e non-senso. L'attività produttrice del pensiero ne riconfigura costantemente l'orizzonte. La poesia è il punto di fuga di quest'orizzonte.
Mi mostri come un concetto possa essere rappresentato in modi molto diversi e con altre immagini. Io ho descritto la genesi creativa paragonandola ad un'alba con immagini provenienti da una dimensione onirica che ne fanno intravedere il sorgere. Tu hai la capacità di mantenere sempre una luminosità nei versi e di preservare l'essenza di quest'illuminazione. Sicuramente è un modo molto interessante di fare poesia e, almeno per me, mostra un modo diverso di guardare.
Ottimo lavoro.
A rileggerti.

floriana ha detto...

Buonasera sira:sss:

trovo molto bella questa tua poesia: breve ma intensa. Mi fa pensare all'ultimo "stadio" di una poesia, ovvero il foglio. Più o meno la penso come Anglares, descrivi un momento creativo. La poesia è creatività che si posa su un confine oltre il quale non si può andare. Il testo sul foglio, invoca il cielo che come "fiori\frutti naturali" riescono a dipigere qualcosa di sensazionale.

Buona serata.
Floriana

Monica e Sinoe ha detto...

A volte anch'io guardando un componimento nero su bianco, mi chiedo cosa sia accaduto. Qual' è stato il momento in cui pensieri e parole hanno preso forma. Tu hai descritto bene questo miracolo artistico.


Parli di esondazione. Il flusso di idee misti alle emozioni trova la sua collocazione nel componimento, come in un quadro. Mi piace l'immagine del campo fiorito e sterminato come l'anima, che scrivendo, si cerca di imprimere in un frammento.
A rileggerci


Inviato 18 marzo · Segnala messaggio
@sira hanno gia' detto tutto! :) Bella. Sinoe