Tu, nonno



Asole slabbrate
i tuoi occhi,
di un opaco sordo 
che si fa specchio
quando di lei, 
acqua di fonte,
incontri lo sguardo.

E la desueta ninnananna
è melodioso canto
per lei
che nulla sa del tempo
dell’oblio 
dell’imperituro amore.