Il Poeta




Il poeta
non guarda, osserva,
non ode, ascolta,
non tocca, esplora.

Ad acquerello e lacrime
il mal di vivere dipinge,

e per la vita canta l’amore
tra i vicoli del mondo
dove non batte il sole. 










5 commenti:

Anonimo ha detto...

Sir Morris
Splendore condiviso! Bravissima! Sir Morris
il 08/02/2014 alle 09:02

india 43
sei grande sira, hai pensieri dolci e intensi,sempre marinella
il 08/02/2014 alle 09:55

rosaa
dolcissime parole, ciaoo
il 08/02/2014 alle 14:27

Julita78
stupenda....
il 08/02/2014 alle 15:24

GaudenzioI
dolce e vera...brava, ciao.
il 08/02/2014 alle 18:35

sira
Grazie POETI!!! :-)
il 08/02/2014 alle 21:24

ppcalzelunghe
Sì!
il 09/02/2014 alle 22:10

joefire
oh yes
il 09/02/2014 alle 23:31

Fabio Galletti Cacciari
occorre dolcezza e sensibilità nel dipingere ad acquerello, non tutti ci riescono, acquosi di lacrime sono i più belli. Piaciuta !!!
il 10/02/2014 alle 00:26

gpaolocci
dolcemente splende in un aquarello da colori vivi,brava un saluto
il 10/02/2014 alle 16:04

questolucidoriflesso
...purché nei vicoli, non manchi, la notte, una lampada che faccia luce tra i fogli scombinati...brava, fra
il 10/02/2014 alle 18:28

CoeurEnHiver
molto vera, brava!
il 11/02/2014 alle 01:00

Sira Fonzi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Every weekend i used to go to see this web page, because i wish for enjoyment, for the reason that this this website donations really good funny material
too.

Simoanila ha detto...

Ciao Sira. Devo dire che anche questa volta hai scritto qualche cosa che a me piace, la trovo bella ma, non so' ho l'impressione che manchi qualche cosa, una motivazione, la ragione di questa solitudine e di questo senso di assenza appunto. Trovo notevole la prima strofa


Il giorno intona le ultime note,
che fievoli risuonano
nel buio che avanza,
mentre adagi i pensieri
sul tuo letto di foglie.

E' come ascoltare il notturno di Chopin che lentamente si spegne senza che nessuna orecchia lo colga. Un precoce autunno indesiderato. (sul tuo letto di foglie)

Buona anche l'idea di ridurre progressivamente le dimensioni delle altre strofe. Creano la sensazione di qualche cosa che si perde allontanandosi nel tempo. Nel complesso non posso che apprezzare. Alla prossima

0

Annarachele ha detto...

Ciao sira, devo dire che la tua composizione mi è piaciuta molto. Amo il cambiamento di stile accompagnato dal cambiamento tematico, amo la brevità densa di significato che traspare dalle tue parole.
Ho adorato la figura degli acquerelli e delle lacrime.
Davvero, complimenti!