Illusione



Dal letto bianco d’acciaio vestito
le ultime forze tue dispendi
e con un fil di voce ormai rispondi.

Ma la tua mano,
la tua appassita mano,
rifiorisce ancora nell’incontrar la mia.

E d’illusione 
mi illumino.